Esposizione a rumori: come affrontarla per evitare problemi uditivi nei bambini?

Ogni genitore è sempre preoccupato per la salute del proprio bambino, e la cosa più importante da fare per proteggere il suo udito è quella di ridurre la sua esposizione ad ambienti rumorosi. Sebbene il 37% di casi di ipoacusia, in Italia, colpisca la fascia di età al di sopra dei 74 anni, cresce sempre più anche la quota di giovani con problemi di udito che conta il 4.5% con età compresa tra i 15-25 anni( Euro Trak 2015 realizzato da Anovum).

Generalmente, la soglia di rumore accettabile è quella che non supera gli 85 decibel (dB). Esempi ne sono: Camera da letto di notte(30 dB), automobile (70 dB), quartiere di periferia (50 dB). Allo stesso tempo, non sono sicuri, tutti quei luoghi in cui si supera la soglia minima di rumore, come: spettacolo pirotecnico (130 dB), concerti all’aperto (100 dB), sirene (130 dB), Banda musicale (100 dB). Tutti questi rumori possono essere dannosi per la salute uditiva dei tuoi cari.

La perdita uditiva causata da rumore è permanente ma può essere evitata al 100% seguendo alcuni semplici consigli.

  • Tenere basso il volume dello stereo e della Tv.
  • Monitorare il volume dei dispositivi elettronici personali del bambino utilizzando la regola 60/60. Ossia non più di 60 minuti al giorno a non più del 60% del volume.
  • Allontanarsi dai rumori particolarmente forti.
  • Indossare otoprotettori quando si è esposti a rumori che possono danneggiare l’udito per troppo tempo.
  • Evitare pomeriggi interi al centro commerciale, in quanto musica e voci sovrapposte potrebbero affaticare l’orecchio

Nuoto

In estate non c’è niente di meglio di un bel tuffo al mare o in piscina ma l’entusiasmo viene perso se si incorre in un’infezione come l’orecchio del nuotatore o infezioni correlate.

Per ovviare problemi di udito nei bambini, sarebbe opportuno:

  • utilizzare dei tappi per l’orecchio su misura.
  • Asciugare delicatamente l’orecchio del bambino subito dopo il bagno.
  • Fargli inclinare la testa cercando di pulire al meglio l’acqua in eccesso.

Inoltre se l’acqua fosse rimasta intrappolata nel canale dell’orecchio, bisognerà inclinare il capo verso il suolo tirando leggermente il lobo dell’orecchio e permettere così la fuoriuscita dell’acqua in eccesso.

Educazione alla salute. Alcuni insegnamenti per i vostri bambini

È fondamentale spiegare ai bambini l’importanza della protezione e del benessere uditivo. Non sempre sarete al loro fianco, per cui sarebbe opportuno educare i più piccoli a prendersi cura del proprio udito. Come?  Ad esempio:

  • in caso di prurito sarebbe opportuno non inserire nulla all’interno dell’orecchio (ad esempio i classici cotton fioc possono provocare danni al timpano). In tali casi sarebbe opportuno esortare i bambini a venire a cercarti per applicare sull’orecchio un impacco caldo. Se la situazione persiste consultare il medico.
  • In caso di esposizioni a rumori, esortarli a coprirsi le orecchi con le mani (non sarà efficace quanto i tappi per le orecchie ma almeno servirà a ridurre l’intensità percepita del rumore) e ad allontanarsi dalla fonte.

Ovviamente questi sono solo alcuni dei suggerimenti per prenderti cura dell’udito dei tuoi bambini. Un accorgimento molto importante ai fini preventivi è quello di prevedere annualmente un controllo da uno specialista.

Condividi nel tuo social

FacebookGoogle Bookmarks Pin It

Studi Audioprotesici per il Benessere Uditivo

Email

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Numero Verde

I nostri social

scrivici su whatsapp