Il rischio rumore

Un'esposizione eccessiva al rumore può provocare danni all'apparato uditivo dando origine a Ipoacusie. 

Lavora in sicurezza

Come prevenire la perdita dell'udito nell'ambiente dil lavoro. 

  • Il rischio rumore

    Un'esposizione eccessiva al rumore può provocare danni all'apparato uditivo dando origine a Ipoacusie. 

  • Lavora in sicurezza

    Come prevenire la perdita dell'udito nell'ambiente dil lavoro. 

Proteggi il tuo udito, proteggi il tuo lavoro.

Sicurezza sul lavoro 

L’esposizione eccessiva e prolungata al rumore, infatti, con il tempo non solo danneggia l’udito ma può provocare anche molti altri disturbi, quali mal di testa, aumento della pressione sanguigna, vertigini, perdita del sonno, stress.

La sensibilità ai rumori varia da persona a persona, ma esiste una soglia di tolleranza valida per tutti, stabilita dall'OMS, di 65 decibel.

Cosa fare per mettere in sicurezza l'udito? Prevenire! La prevenzione si basa sulla riduzione della rumorosità della fonte, sulla modifica dell’ambiente in cui si diffonde il rumore, sulla minore esposizione della persona a quest’ultimo e sull’utilizzo di cuffie e otoprotettori.

Chiama subito per un appuntamento! 800597655 


Per saperne di più:

La perdita d’udito (parziale o totale) legata all’attività lavorativa è definita ipoacusia da trauma acustico cronico e si verifica a seguito dell’esposizione prolungata a rumori con particolari caratteristiche. Di solito si tratta di un problema uditivo che coinvolge entrambe le orecchie.

Quando il problema d’udito viene considerato malattia professionale?

Il danno all’udito è considerato malattia professionale solo quando è contratto nell’esercizio ed a causa dello svolgimento di specifiche attività indicate dalla legge, o nell’espletamento di lavorazioni accessorie o complementari a queste, purché svolte nello stesso ambiente.

 

Come avviene il riconoscimento della malattia professionale

Il danno all’udito deve essere riscontrato e certificato dal Servizio di Igiene e Sicurezza del Lavoro dell’Asl, oppure a seguito di visita specialistica su indicazione del proprio medico curante.

Il lavoratore è tenuto a consegnare al datore di lavoro il certificato che attesta l’ipoacusia entro 15 giorni dalla visita.

Successivamente, il datore di lavoro deve trasmettere all’Inail la denuncia di malattia professionale entro 5 giorni dal ricevimento del certificato, insieme alle informazioni sull’attività che avrebbe determinato la malattia, le mansioni del lavoratore, gli accertamenti fatti in azienda e l’orario di lavoro.

Dopo questo step, l’Inail dovrà chiamare a visita il lavoratore e chiederà al datore di lavoro copia del documento aziendale di valutazione dei rischi.

Il lavoratore chiamato a visita dall’Inail deve portare con sé:

  • libretto di lavoro;
  • documentazione sanitaria inerente la patologia denunciata;
  • accertamenti sanitari preventivi e periodici svolti in azienda;
  • eventuali attestazioni di invalidità riconosciute in altri ambiti giuridici.

Se la malattia denunciata non è prevista dall’Inail, l’ente può accertarsi facendo indagini tramite il Contarp (Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione centrale), che compie indagini ispettive all’interno dell’azienda e quantifica l’esposizione al rumore.

L’Inail, assumendosene i costi, può anche richiedere al lavoratore altri accertamenti sanitari.

Successivamente, attraverso una comunicazione, l’Inail farà conoscere al lavoratore le sue conclusioni e, in caso di accoglimento della richiesta di riconoscimento di malattia professionale, renderà noto anche il grado di inabilità al lavoro.

Il lavoratore può presentare opposizione all’Inail contro le decisioni assunte dall’ente stesso.

Infatti, nel caso in cui l’esito non sia soddisfacente o l’istanza venga rigettata, il lavoratore può presentare, con l’assistenza di un avvocato, ricorso giudiziale presso il Tribunale del lavoro. Il termine di prescrizione per il ricorso è di tre anni e 150 giorni (210 per le revisioni) e decorre dal giorno dell’infortunio.

L’opposizione deve contenere:

  • i dati anagrafici;
  • il riferimento all’evento (numero del caso, data dell’infortunio, data del provvedimento);
  • le motivazioni dell’opposizione, allegando il certificato medico dal quale emergano gli elementi giustificativi della domanda.

Il procedimento in opposizione si considera concluso nel termine di 150 giorni (120 per le revisioni).

Come prevenire i problemi uditivi al lavoro

Il danno acustico da rumore può essere prevenuto con opportune misure ambientali e personali come:

  • Caschi
  • Cuffie antirumore
  • Otoprotettori
  • Pareti fonoassorbenti


Al lavoro, proteggi il tuo udito!

Se pensi di avere problemi uditivi è possibile effettuare un controllo gratuito:

sarà il primo passo per migliorare la qualità della propria vita!

RICHIEDI UN PREVENTIVO

Per le tue soluzioni su misura

Devi inserire il nome
Please type your full name.
Devi inserire il telefono
Invalid email address.
Devi obbligatoriamente accettare le norme sulla privacy.

Se hai difficoltà a compilare il modulo contattaci gratis al Numero Verde 800 587655 Lun-Ven dalle ore 09:00 alle 12.30 o dalle 14.30 alle 18.30

Condividi nel tuo social

FacebookGoogle Bookmarks Pin It

Studi Audioprotesici per il Benessere Uditivo

Email

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Numero Verde

I nostri social

scrivici su whatsapp