Operai che lavorano in officina

Proteggi il tuo udito, proteggi il tuo lavoro.


La perdita d’udito (parziale o totale) legata all’attività lavorativa è definita ipoacusia da trauma acustico cronico e si verifica a seguito dell’esposizione prolungata a rumori con particolari caratteristiche che oltrepassino la soglia stabilita dall’OMS, fissata a 65dB. Tale esposizione eccessiva e prolungata al rumore può provocare anche altri “danni collaterali”, come mal di testa, aumento della pressione sanguigna, vertigini, perdita del sonno, stress.

Quando il problema d’udito viene considerato malattia professionale?

Il danno all’udito è considerato malattia professionale solo quando è contratto nell’esercizio ed a causa dello svolgimento di specifiche attività indicate dalla legge, o nell’espletamento di lavorazioni accessorie o complementari a queste, purché svolte nello stesso ambiente.

Operaio e supervisore in fabbrica con caschetto di protezione

Cosa fare per mettere in sicurezza l'udito?

Prevenire! La prevenzione si basa sulla riduzione della rumorosità della fonte, sulla modifica dell’ambiente in cui si diffonde il rumore, sulla minore esposizione della persona a quest’ultimo e sull’utilizzo di cuffie e otoprotettori.

Cosa sono gli otoprotettori?

Conosciuti genericamente come tappi antirumore, gli otoprotettori professionali sono strumenti impiegati in contesti lavorativi particolarmente rumorosi (fabbriche, cantieri, officine) capaci di proteggere l’udito dei lavoratori.  Sono piccoli oggetti che però hanno una grande responsabilità, quella di ridurre l’intensità dell’onda sonora ed il conseguente shock acustico a carico dell’orecchio. L’art. 189 del D.Lgs. n. 81/2008 dichiara che il datore di lavoro è tenuto a fornire questi dispositivi di protezione individuale a tutti i lavoratori il cui livello di esposizione quotidiana al rumore, prendendo in considerazione una giornata lavorativa di 8 ore, supera gli 80 dBA.

Ne esistono di diversi tipi?

Sì, esistono tre principali categorie di otoprotettori, ciascuno con le rispettive caratteristiche.

  • Inserti (o tappi) preformati: sono solitamente realizzati in materiale rigido (plastica o resina acrilica), sono disponibili in diverse taglie e possono essere igienizzati e riutilizzati; inoltre, questi DPI possono essere integrati con appositi filtri. Possibile anche realizzare inserti su misura previa presa dell’impronta del canale uditivo;
  • Inserti espandibili o deformabili: sono solitamente realizzati in materiali morbidi, dalle elevate capacità plastiche, in grado per questo di aderire bene al canale uditivo se correttamente indossati; hanno un eccellente potere di attenuazione ma sono monouso;
  • Cuffie: formate da coppe di materiale plastico rivestite da isolante, presentano un potere di attenuazione superiore ai tappi poiché, comprimendo le orecchie, riducono l'intensità dei suoni.

In tutti i casi, se è vero che un otoprotettore deve filtrare le frequenze sonore pericolose, allo stesso tempo deve garantire all’operaio la possibilità di comunicare con gli altri, di percepire i pericoli o i segnali di allarme. La scelta tra le varie soluzioni presenti sul mercato dipende dal livello di esposizione al rumore e dalla praticità di ciascuna opzione in relazione al lavoro da svolgere.

Per concludere:

Nel caso di attività che prevedano un’esposizione al rumore superiore agli 80 dBA, i lavoratori devono essere informati sui rischi per l’udito, sulla funzione dei DPI e sulle modalità di impiego. Perciò, se è vero che disporre di otoprotettori è un diritto di ogni lavoratore esposto ai forti rumori, è altrettanto legittimo rivendicare che questi dispositivi siano conformi alle normative vigenti. Inoltre, è bene ricordare che gli otoprotettori che non abbiano un’adeguata manutenzione o che non rispettino alcuni parametri inerenti al comfort del lavoratore, all’igiene e alla qualità dei materiali, possono risultare controproducenti.


Al lavoro, proteggi il tuo udito!

Se pensi di avere problemi uditivi è possibile effettuare un controllo gratuito:

sarà il primo passo per migliorare la qualità della tua vita!

Studi Audioprotesici per il Benessere Uditivo

Email

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Numero Verde

I nostri social

scrivici su whatsapp