Riparti da un controllo dell’udito


Ragazzi che fanno un picnic in campagna

Pronti a ripartire? Settembre è il mese in cui tutto ricomincia con nuove energie e buoni propositi: lavoro, scuola, palestra, impegni quotidiani. Perché allora non pensare di ripartire con il piede giusto anche nella cura di sé stessi, programmando un controllo dell’udito? Non si è mai troppo giovani per iniziare! Già, perché se da un lato il calo dell’udito è una conseguenza naturale dell’invecchiamento, dall’altro si registrano sempre più casi di ipoacusie nella fascia di giovani e giovani adulti. Le cause? Ad esempio, l’uso smodato di auricolari, l’ascolto prolungato di musica ad alto volume o la mancata protezione delle orecchie in situazioni particolarmente rumorose (al lavoro ad esempio).

La prevenzione è sempre la miglior difesa

Così come siamo abituati a prenotare una visita di controllo dal dentista o dall’oculista, così sarebbe consigliato prenotare con regolarità un controllo dell’udito rivolgendosi a degli specialisti. Trascurare la salute del proprio udito, infatti, può innescare effetti negativi ben peggiori: rinuncia a partecipare alla vita sociale, mancanza di stimoli relativi alla vita relazionale e professionale, isolamento, stress fino ad arrivare alla depressione. Per evitare tutto ciò basta investire 30 minuti del proprio tempo per un effettuare un test.

In cosa consiste l’esame audiometrico?

Tre le fasi in cui si divide un test dell’udito: una fase preliminare durante la quale l’audioprotesista fa qualche domanda ed esamina con un otoscopio il condotto uditivo esterno per verificare che sia libero da eventuali tappi di cerume. Dopodiché si passa al test vero e proprio che si compone di due momenti: il primo consiste nell’esame per via aerea in cui l’audioprotesista, per mezzo di un audiometro e tramite l’ausilio di cuffie, invia dei suoni puri separati per ciascun orecchio a cui viene chiesto di reagire (alzando una mano o premendo un pulsante). Il secondo consiste nell’esame per via ossea in cui gli stessi toni puri vengono inviati tramite un vibratore posto sulla mastoide, l’osso che si trova dietro il padiglione auricolare. Il tutto dà vita ad un audiogramma, la rappresentazione grafica del nostro udito.

Nessun timore, quindi, questo tipo di esame non è invasivo e non richiede alcun tipo di preparazione. Basta una prenotazione! Chiama il nostro numero verde gratuito 800 59 76 55  e fissa il tuo controllo dell’udito.


Studi Audioprotesici per il Benessere Uditivo

Email

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Numero Verde

I nostri social

scrivici su whatsapp